CARASAO VIAGGI


Vai ai contenuti

ARCHEOLOGIA STORIA

TOURS DI GRUPPO

DAL PRENURAGICO AL ROMANICO IN SARDEGNA


Situata nel cuore del Mediterraneo la Sardegna, la piu’ antica terra d’Italia, è un immenso museo all’aperto. Ha conosciuto centinaia di culture e civiltà che hanno lasciato grandiosi segni del loro passaggio.

La prima presenza dell’ uomo risale al Paleolitico, circa centocinquantamila anni fa, e si è sviluppata attraverso il neolitico sino alla misteriosa civiltà nuragica durata quasi un millennio (1800 – 1000 a.C.); monumento caratteristico di questa cultura è il nuraghe,
costruzione a torre caratteristico dell’ isola (ne sono stati censiti oltre 7000), che rappresenta una delle costruzioni megalitiche tra le più misteriose e straordinarie del Mediterraneo antico.

Si è certi che già nel IX secolo a.C. i sardi ebbero contatti commerciali con i Fenici che successivamente si stabilirono nell’ isola fondando delle colonie, gli stessi vennero soppiantati nel VI secolo dai Cartaginesi.

La Sardegna fu al centro di intensi traffici commerciali con l’ Etruria, la Sicilia, la Grecia e la Spagna, sino alla conquista romana nel 238 a.c.




1° GIORNO: Arrivo dei partecipanti all' Aeroporto di Olbia alle ore 10,20. Incontro con la guida, sistemazione in bus, partenza per la visita della Costa Smeralda, la più rinomata località turistica della Sardegna, realizzata negli anni sessanta dal principe Aga Khan Karim in un area incontaminata di straordinaria bellezza. Nonostante gli insediamenti turistici, un tratto di costa è rimasto completamente selvaggio. Sosta a Porto Cervo, vera e propria città costruita con gusto e raffinatezza. Sosta ad Arzachena, visita della “ tomba dei giganti “ , monumento di sepoltura collettiva di età nuragica, di Coddu Vecchju a Capichera. Pranzo libero. Proseguimento per Palau. imbarco per l' isola di La Maddalena, visita della cittadina omonima, il lungomare e la suggestiva Cala Gavetta, dove si potranno ammirare i bei palazzi risalenti a fine 700. Giro panoramico e proseguimento per l' isola di Caprera (le due isole sono collegate da un istmo di terra) visita della casa/museo di Garibaldi, che l' abitò ad intervalli anche lunghi e vi morì nel 1882. Proseguiemento per Palau, sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

2° GIORNO: Prima colazione in hotel, partenza per Ardara, visita della maestosa chiesa di Santa Maria del Regno, costruita interamente in trachite nera, è detta per questo Duomo Nero, una delle poche chiese romaniche in Sardegna che è rimasta integra, senza aver subito rimaneggiamenti posteriori. Nell’abside, dopo diversi anni di assenza dovuti a un lungo restauro romano, è tornato da qualche anno il retablo maggiore. Proseguiemto per Saccargia, visita alla Basilica della Santissima Trinità in stile romanico – pisano. Trasferimento ad Alghero, principale cittadina turistica della Sardegna, del suo antico splendore conserva le mura ed i bastioni che sovrastano il porto, la cattedrale, della quale il campanile ed il coro sono in puro stile gotico aragonese. Di particolare interessa la chiesa di San Francesco che con il campanile e l' adiacente chiostro romanico, tutto in pietra arenaria, costituisce il monumento più importante della città. Pranzo libero. Pomeriggio escursione a Capo Caccia, spettacolare promontorio di alte rocce di calcare a strapiombo sul mare, da cui si puo' ammirare una stupenda vista sull' insenatura di Porto Conte. Visita facoltativa delle Grotte di Nettuno utilizzando una scalinata di circa 656 gradini denominata “ Escala del Cabirol “. Visita alla necropoli di “ Anghelu Ruju”. In serata rientro ad Alghero, cena e pernottamento in hotel.

3° GIORNO: Prima colazione in hotel partenza per la valle dei nuraghi a Torralba e visita della “ Reggia Nuragica “ di Santu Antine, uno dei monumenti più grandi e meglio conservati dell' isola, formato da tre torri circolari unite da cinte murarie. La torre centrale è alta 18 metri e costituisce una dei monumenti più imponenti del Mediterraneo preistorico. Partenza per Bonorva e visita dele grandiose domus de janas di S.Andrea Priu, necropoli composta da 20 tombe scavate quasi tutte su una parete di trachite verticale, esposta a Sud e alta circa 12 metri. L' origine del complesso si colloca nella cultura di Ozieri (neolitico) , ma l'utilizzo si è protratto sino in epoca medioevale. La più spettacolare delle tombe è quella detta del Capo, costituita da 18 vani che coprono 250 mq. In epoca tardo romana è stata trasformata in chiesa rupestre e affrescata nella fase romanica. Pranzo libero Proseguimento per Paulilatino e sosta al pozzo sacro di Santa Cristina, il monumento è una delle più affascinanti e misteriose testimonianze della civiltà protosarda legato al culto delle acquee. Visita della città punico/fenicia di Tharros, costruita, come molte città fenicie, su un promontorio perché le navi fossero al riparo qualsiasi direzione avessero i venti. Fù abbandonata nell’ anno mille a causa delle incursioni saracene. Sosta alla chiesa paleocristiana di San Salvatore in Sinis. Sistemazione in hotel ad Oristano per la cena ed il pernottamento.

4° GIORNO: Dopo la prima colazione partenza per Nuoro, capoluogo delle Barbagie, come vengono chiamate le zone interne dell' isola. Visita al Museo della Vita e delle Tradizioni popolari Sarde e alla chiesetta della Solitudine, dove sono conservate le spoglie di Grazia Deledda, premio Nobel per la letteratura. Proseguimento per Orgosolo, centro particolarmente rappresentativo della realtà sociale delle Barbagie ancora legato alle radici della cultura agro-pastorale. Il paese, con case rustiche ed essenziali di pietra grigia, è ravvivato dal gran numero di murales (circa 150) risalenti agli anni ‘70, che documentano in maniera espressiva l’impatto fra vecchio mondo pastorale e realtà contemporanee. Pranzo tipico con i pastori nei boschi del Supramonte dove si potranno assaggiare i piatti tipici della cucina barbaricina, piatto tipico il maialetto da latte “su porcheddu” cotto con fuoco a legna e servito sopra il pane “carasau” sfoglia sottile, fatta cuocere al forno due volte. Facoltativamente si potrà (presso una casa privata) assistere alla lavorazione della seta, si vedrà il ciclo della produzione e della tessitura della seta, utilizzata per la confezione di “ Su Lionzu” copricapo femminile dell' abbigliamento tradizionale di Orgosolo, tessuto a mano e colorato con zafferano. Tale tradizione è così antica che la specie del baco da seta viene chiamata “ Orgosolo”. Pomeriggio visita del paese di Oliena adagiato alle pendici del Monte Corrasi, famosa per il suo artigianato ed i suoi vini, cantati anche da Gabriele D' Annunzio. Rientro ad Oristano, cena e pernottamento in hotel.

5° GIORNO: Prima colazione in hotel, partenza per Barumini, ad un chilometro di distanza dal paese si trova la testimonianza più importante della civiltà nuragica, un complesso fortificato con villaggio detto “ SU NURAXI ” (il nuraghe). Proseguimento per la visita del santuario federale nuragico di Santa Vittoria a Serri, uno dei più importanti luoghi di culto della Sardegna nuragica. Pranzo libero. Pomeriggio partenza per Cagliari, capoluogo e principale città dell’ isola è stata abitata sino dalla preistoria conservando testimonianze di ogni epoca e cultura. Ci sono necropoli puniche, monumenti romani,, mura e torri pisane (Torre dell’ Elefante e di San Pancrazio), bastioni aragonese e spagnoli, fortificazioni pisane. Di primario interesse sono il Museo Archeologico che raccoglie, oltre a reperti punici e romani, la più completa testimonianza della civiltà nuragica, il Duomo in stile romanico-pisano, la barocca San Michele. Visita della basilica della Nostra Signora di Bonaria, la piu' grande chiesa della Sardegna. Dal punto di vista turistica la migliore attrattiva della città è forse la sua posizione panoramica inserita in un ambiente naturale di grande interesse. Da segnalare lo stagno di Molentargius, uno degli ambienti lagunari più importanti d’ Europa che ospita una colonia di fenicotteri che nidificano in queste acquee. Cena tipica a Maracalagonis in una casa tradizionale del Campidano (vasta pianura e sud dell' isola). Durante la cena si potrà assistere a balli tradizionali della Sardegna accompagnati da suonatori di “ launeddas”, lo strumento polifonico più antico d' Europa. Pernottamento in hotel.


6 MAGGIO: MERCOLEDI: Dopo la prima colazione partenza per Iglesias visita della cittadina, la storia della città è legata strettamente allo sfruttamento delle miniere della zona, l'archeologia ha rilevato come sin da epoche remote le risorse minerarie abbiano attratto popoli di commercianti quali i Fenici ed i Punici e come l'impero romano sia stato interessato allo sfruttamento intensivo di tali ricchezze. Proseguimento per Masua e Nebida, dove si potrà ammirare uno dei panorami costieri più suggestivi dell' isola, visita della miniera di Porto Flavia di grande interesse per gli aspetti di archeologia industriale, geologici e ambientali. Pranzo in ristorante a base di pesce. Pomeriggio visita della città di S' Antioco, di origine punico fenicia. Di particolare interesse il Museo e l’ area del “Tophet” zona funeraria dove i fenici sacrificavano al dio Bes i primogeniti maschi. Rientro a Cagliari, cena e pernottamento in hotel.



7° GIORNO: Prima colazione in hotel, proseguimento della visita di Cagliari. Pranzo libero. Primo pomeriggio trasferimento all'aeroporto di Elmas, PARTENZA.

FINE DEI SERVIZI



QUOTA DI PARTECIPAZIONE………………………………….……­€ 750,00
SUPPLEMENTO SINGOLA …………………………….………..…...€. 145,00


Gruppo minimo 25 partecipanti


Le quote comprendono:

Sistemazione in hotels cat **** in camere doppie c.s. privati,
Guida accompagnatore per tutto il tour;
Pullman a disposizione per tutto il periodo ;
Trattamento di mezza pensione;
Pranzi tipici come da programma;
Cena con spettacolo a Maracalagonis;
Traghetto per La Maddalena;
N° 1 gratuità ogni 25 paganti.

La quota non comprende:

Ingressi (musei, minere, monumenti ed aree archeologiche );
I pasti non menzionati;
Mance,
Extra di carattere personale e quanto non espressamente indicato nella voce “la quotacomprende”.



Home Page | CHI SIAMO | CONTATTI | TOURS DI GRUPPO | VIAGGI INDIVIDUALI | SULLA SARDEGNA | OFFERTE | Mappa del sito


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu